Tu sei qui: Home / Civiltà, società, attualità / Svizzera italiana / Giovanni Orelli - Sant'Antonio

Giovanni Orelli - Sant'Antonio

 

Giovanni ORELLI
SANT’ANTONIO DAI PEDÙLI

 

Sant’Antonio dalle pantofole
fammi trovare quello che ho perduto
fammi travare la ragazza bionda
che ho incontrato in treno in seconda,
veniva dal Friuli
andava a Winterthur,
era stanca e non trovava
mica un posto per la sua testa.
Le ho detto, se voleva,
di dormire sui rniei ginocchi,
cercavo di tenere il fiato
a sentirla respirare:

ma mi toccava scendere,
con che occhi mi ha guardato
con una mano nei capelli
spettinati per via del vento
e non sa corne si chiama
e in che strada va a vivere,
ma se vado a Winterthur
la domenica alla mattina
la aspetto fuori della chiesa
alla messa delle serve.

Sant’Antonio dalle scarpe
che è
scivolato ed è rimasto in piedi
fammi trovare la ragazza bionda
mandala incontro tenera tenera
come una delle
« giugèt » (crochi)
che i ragazzi in primavera
dal terreno succhiano fuori
senza romperle dicendogli su
queste litanie per i crochi:

« giugèta vieni gingèta vieni
che il mio padre è andato in Blenio
a comprare un sacco di castagne
perme per te
per quella vecchia che ha da morire
».

 


SANT’ANTONI DAI PADÜ

 

Sant’Antoni dai padù
fam trovè chèl c’ö perdu
fam trovè la tusa biunda
c’à incuntrù ‘n trenu ‘n secunda,
la vegneva du Friuli

la vaséva a Winterthur,
l’éva s’traca e la troveva
mia un pos’t pa la sà tes’ta.
I ò dicc, se la vôreva,
da dormI süi mé ginôcc,
i c’atéa da tegni ‘l fièt
a sentila re’spirè:

 

ma u’m tocheva sautrè sgiu,
cun che öcc la m’à vardù
cun ‘na man i ni c’avì
specianéi par via du vent

e i so mia cum la s’as ciama
e in che s’trèda la va a vif,
ma si vèi a Winterthur
la dumegna a la matin
i la s’peci fö det gesa
a la messa det i servi.

Sant’Antoni dai c’auzei
c’é s’guarù e l’é s’tècc in péi
fam trovè la tusa biunda
mand’la incuntra piunda tendra
c’é la prilma di gingèt
chi c’é i daga in prümavera
dal taren j sciuscian fô
senza rumpai cul dìi sü
chis’ti atèni pai giügèt:

 

« giugèta vegn giugèta vegn
c’é ‘l mé pà l’é nècc in Bregn
a crumpè ‘n sacch det c’as’tegn
par mi par ti
par chèla végia c’é l’à da monì ».

 

Giovanni ORELLI, Sant’Antoni dai padü, Milano, 1986, pp. 6-9.